Olmo Cerri
Millevoci

Lui che ama le storie degli altri

Incontro con Olmo Cerri di Natascia Bandecchi

  • Olmo Cerri, foto di Giacomo Jaeggli
  • 23.3.2023
  • 41 min
Disponibile su
Scarica

Ha un’anima sociale, è curioso, poliedrico e uno degli ingredienti fondamentali del suo lavoro è la sensibilità con cui maneggia “le storie degli altri” su cui un po' si fonde anche lui. Lui è Olmo Cerri nato nel 1984 – anno in cui esce nelle sale cinematografiche “C’era una volta in America” di Sergio Leone. Sarà il caso ma spesso nei documentari video e audio di Olmo Cerri l’incipit principale è: “c’era una volta…”.
Olmo Cerri cresce a Sonvico e, dopo essersi diplomato presso la SUPSI nel dipartimento di Lavoro Sociale, frequenta il CISA, Conservatorio Internazionale di Scienze Audiovisive di Lugano. La gavetta dietro la macchina da presa l’ha fatta collaborando come primo o secondo assistente per registi ticinesi: Erik Bernasconi, Alberto Meroni e Bindu de Stoppani. Da una decina di anni ha dato vita insieme ad altri professionisti video all’Associazione REC che ha sede a Lugano. Tra le altre cose – molte – ama la radio, è autore di documentari audio e podcast (recentemente ha vinto due premi al Festival Sonohr di Berna con “Macerie”).
A Millevoci esploriamo il suo universo costellato da immagini, ricordi e sonorità.

Scopri la serie

Correlati