(iStock)

Microfoni aperti e voci in onda: la Giornata internazionale della Radio

Con Antonio Bolzani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È una settimana molto radiofonica questa con la Giornata internazionale della Radio che si celebra oggi e con le nostre “Porte aperte” previste dopodomani, sabato 15 febbraio, negli Studi della Radio RSI di Lugano-Besso.
La radio, insomma, è più viva che mai ed è stata brillantemente capace di superare, adeguandosi, aggiornandosi e trasformandosi, tutte le rivoluzioni tecnologiche e mediatiche che hanno trasformato il nostro mondo e la nostra società. Insomma, siamo sempre ascoltati e chi ci segue lo può fare dappertutto, utilizzando non soltanto la classica radio, ma oggi anche diversi altri supporti come il telefonino o il computer.

Considerando l’ottima tenuta della radio nella vasta offerta mediatica odierna, oggi vogliamo fare il punto su cosa significa “fare la radio” e “ascoltare la radio”: quindi ci rivolgiamo anche al pubblico, a voi ascoltatrici e ascoltatori, per sapere quanto, quando, come e perché la radio vi fa compagnia.

In studio parliamo un po’ di noi… con Elena Caresani di Rete Uno, Giuseppe Clericetti di Rete Due e Tijana Riva di Rete Tre. Ci collegheremo poi con Renato Ramazzina, responsabile del Museo della Radio del Monte Ceneri. Tra l’altro la “Stazione radio nazionale onde medie del Monte Ceneri”, inaugurata il 18 aprile del 1933, oggi è inserita nell’elenco dei Beni Culturali del Cantone Ticino.