Perdona, ma non dimenticare, Il vero valore del perdono nel giorno della Pasqua cristiana

Con Roberto Antonini

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

Forgive but not forget, aveva esclamato Nelson Mandela, eroe anti-apartheid sudafricano all’indomani della sua scarcerazione dopo aver trascorso 27 anni dietro le sbarre. L’appello del futuro presidente del Sudafrica, sarà in gran parte seguito e eviterà al paese la guerra civile. Nei giorni della Pasqua, Millevoci si interroga sul valore di uno dei principi cardini del cristianesimo. Così Pietro, l’apostolo si rivolse secondo i Vangeli a Gesù: "Signore, se mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli?". E Gesù così gli rispose: "Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette". E nel linguaggio simbolico dei testi sacri quel numero significa che noi siamo chiamati a perdonare sempre. Per la filosofia e la psicanalisi il perdono si pone in altri termini: un atto etico incondizionato, che non mira ad esempio a conquistare il paradiso, oppure uno strumento terapeutico per vivere meglio. Insomma attorno al termine “perdono” si articolano riflessioni diverse che riguardano il nostro vivere quotidiano.

Sono ospiti:
Monsignor Azzolino Chiappini
, teologo
Benedetta Tobagi, scrittrice, figlia di Walter Tobagi ucciso da un commando terroristico nel 1980
Silvia Vegetti Finzi, psicologa e psicanalista