"Stop al razzismo"
Millevoci

Quel razzismo che c’è ma non si vede

Di Isabella Visetti

  • keystone
  • 10.3.2023
  • 41 min
Disponibile su
Scarica

Il razzismo strutturale è una realtà in Svizzera, è considerato un fenomeno “normale” dalla popolazione ed è un tema ancora poco approfondito, soprattutto sono poche le ricerche che mettono a fuoco gli stereotipi e le pratiche che lo determinano. Un recente studio svolto dal Forum svizzero per lo studio delle migrazioni e della popolazione dell’università di Neuchâtel su incarico del Servizio per la lotta al razzismo (SLR) della Confederazione scatta una fotografia delle discriminazioni istituzionali e sistemiche presenti in diversi ambiti della vita, dalla ricerca di un alloggio o di un lavoro alle relazioni con le autorità amministrative o giudiziarie.

Una sintesi di questo studio è stata pubblicata proprio in questi giorni, quando in Svizzera iniziano le attività di sensibilizzazione della Settimana contro il razzismo 2023, e alla vigilia della Giornata internazionale per eliminazione della discriminazione razziale che cade il 21 marzo. Una ricorrenza che per Millevoci è un’occasione per fare il punto sulla prevenzione della discriminazione razziale, sul sostegno alle persone che la vivono e anche per guardare con spirito critico quelle posture individuali e collettive che alimentano il razzismo strutturale.

Ne parliamo con:
Gianni D’Amato,
direttore del Forum svizzero per lo studio delle migrazioni e della popolazione dell’Università di Neuchâtel, co autore dello studio “Razzismo strutturale in Svizzera: studio delle basi teoriche e concettuali e sui fondamenti empirici”
Michela Trisconi, delegata per l’integrazione degli stranieri del Canton Ticino
Mariaelena Biliato, responsabile del Centro per la prevenzione delle discriminazioni
Sotö Raffaella Viviani, socia fondatrice dell’associazione DIAMA

Scopri la serie

Correlati

Ti potrebbe interessare