Legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (MPT), in votazione il 13.06.21 (Keystone)

Terrorismo, fra protezione dei cittadini e presunzione di colpevolezza

Millevoci - Democrazia Diretta, con Gian Paolo Driussi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

 

Ritiro dei documenti, divieto d’accesso a una determinata zona, cavigliere elettroniche, arresti domiciliari. Sono alcune fra le misure di polizia che la Confederazione vuole introdurre per meglio contrastare il rischio terrorismo, su cui andremo a votare il prossimo 13 giugno. Si tratta di strumenti preventivi, che verrebbero ordinati ancor prima dell’apertura di un procedimento penale e che fanno discutere sia per la loro reale efficacia sia, soprattutto, per la loro legittimità in quanto a diritti fondamentali e diritti del fanciullo (le misure potrebbero scattare da 12, rispettivamente 15 anni). Perché la Svizzera ha bisogno di questi strumenti? Chi decide quando applicarli e con quali criteri verrebbe stabilito che una persona è pericolosa se ancora non ha compiuto nulla di penalmente rilevante?
Democrazia Diretta ne discute con quattro ospiti:

Favorevoli:
Matteo Cocchi
, Comandante Polizia cantonale ticinese
Jacqueline De Quattro, avvocata e consigliera nazionale PLR

Contrari:
Noemi Buzzi
, Giovani Verdi
Sarah Rusconi, portavoce Amnesty international