Domani sono 125 anni dalla nascita della Federazione svizzera di calcio
Domani sono 125 anni dalla nascita della Federazione svizzera di calcio (Keystone)

ASF, l'anniversario può attendere

Tutto rimandato, Blanc: "Non abbiamo voglia di festeggiare"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il proprio 125o anniversario l'ASF certamente pensava di festeggiarlo in modo diverso. Domani, martedì 7 aprile, ricorrerà infatti l'importante genetliaco e, come ormai è abitudine in questi tempi di coronavirus, tutti i programmi sono stati stravolti. Tanto per cominciare la serata di gala prevista domani a Berna è stata rinviata al prossimo 10 dicembre e anche la partita tra la selezione rossocrociata e la Germania, che doveva tenersi il 31 maggio a Basilea, è stata posticipata all'estate prossima. In attesa di tempi migliori, si cerca di celebrare questi 125 anni in modo virtuale, pubblicando video e contributi significativi sul sito della Federazione svizzera di calcio.

E proprio dalle pagine di www.football.ch il presidente Dominique Blanc, pure lui colpito dal virus e attualmente in quarantena, ha espresso i propri sentimenti in questa fase così delicata. "È un po' come un brutto film horror, ma purtroppo è la realtà. Al momento non abbiamo voglia di festeggiare: le attività che si sarebbero tenute in occasione dell'anniversario sono poco importanti nell'attuale contesto con gli immensi problemi che sta affrontando la società", ha commentato Blanc.

La prima priorità è la salute della popolazione, nient'altro. Tutto il resto può aspettare Dominique Blanc

Il numero uno dell'ASF ha poi voluto ricordare gli undici membri di club che il 7 aprile 1895 diedero vita alla Federazione elvetica di calcio: "Questi pionieri meritano pieno riconoscimento e rispetto - ha detto Blanc - L'ASF si è rapidamente attivata anche a livello internazionale. È stata uno dei membri fondatori dell'UEFA e della FIFA. Il suo ruolo nel mondo del calcio era ed è tuttora importante. Non è un caso che la FIFA e l'UEFA abbiano le loro sedi rispettivamente a Zurigo e a Nyon. Ancora oggi beneficiamo della lungimiranza e del coraggio dei nostri fondatori. Dovremmo continuare ad ispirarci a loro".

 
Condividi