Giornata no per lo sloveno
Giornata no per lo sloveno (Ti-Press)

Celar sbaglia tutto, Ziegler calcia una perla

Le pagelle: è evidente che la rosa a disposizione di Croci-Torti è corta

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Paolo Laurenti

Saipi 4: una bella parata nel primo tempo e poi lavoro di routine con un paio di imprecisioni di piede e pure in uscita.

Ziegler 5: l'esperto difensore è chiamato a guidare i giovani colleghi di reparto Mai e Durrer. Cresce nella ripresa. Mezzo punto in più per la perla su punizione.

Durrer 3,5: ha l'alibi di non giocare mai nel suo ruolo (centrocampista), ma ha la colpa di perdere il pallone dal quale si sviluppa il vantaggio lucernese.

Mai 3,5: qualche giocata un po' troppo molle e se saltato fatica a riprendere velocemente la posizione. Insicuro e a volte poco grintoso.

Valenzuela 4,5: forse l'unico a non risentire atleticamente delle fatiche di coppa. Gioca moltissimi palloni, anche di qualità come quello che permette a Celar di trovarsi solo davanti al portiere

Arigoni 3,5: difensivamente non ha gradi compiti ma in fase propositiva sbaglia ancora troppo. La sua miglior versione (e la forma migliore) è ancora lontana. Alla pausa rimane negli spogliatoi per un infortunio.

Doumbia 3,5: poco filtro e troppo leggero nel contrasto al limite della propria area con Dorn, che poi andrà a insaccare la rete del primo vantaggio.

Sabbatini 4: la classica partita senza infamia né lode.

Belhadj 4,5: alla prima da titolare non sfigura. Ha fisico. Cala un po' nella ripresa, ma è l'unico a verticalizzare.

Bottani 4: si fa vedere in tutte le zone del campo e quando ha la palla tra i piedi c'è l’impressione che possa succedere sempre qualcosa. La stanchezza però si fa sentire e non riesce a inventare come vorrebbe. Si procura comunque il rigore.

Celar 3: lassù in attacco è spesso in inferiorità numerica, ma sbaglia troppi controlli e soprattutto fallisce il rigore e - prima di essere sostituito - spreca anche il cioccolatino servitogli da Valenzuela.

Mattia Croci-Torti 4: la squadra è stanca, ma non soffre per nulla il Lucerna. È anche vero che il Lugano del recente passato un punto lo avrebbe portato a casa. La partita ha però nuovamente evidenziato come la rosa a sua disposizione sia corta.

Haile-Selassie 3.5: un tiro dalla distanza e poco altro.

Mahou 4: ha provato a dare vivacità alla fase offensiva, gli manca però ancora lo spunto decisivo.

Amoura 4: vale lo stesso discorso di Mahou.

Hajdari 3.5: si fa saltare nell’azione del 2-1.

Babic: non giudicabile.

 
Condividi