In studio
In studio (rsi.ch)

"Cordata con Bernhard Heusler interessata"

Renzetti deluso dal mancato accesso all'Europa e all'orizzonte c'è la vendita del club

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Ospite a La Domenica Sportiva su LA 2, il presidente del Lugano Angelo Renzetti ha raccontato a 360 gradi quella che è stata la stagione dei bianconeri, quelle che erano le aspettative e quello che sarà il futuro del club. In primis ha voluto commentare questo finale di campionato, con il successo sul Sion dopo 4 ko consecutivi: "È stato un mese duro, prima avevamo fatto bene, ma le due sciagurate partite in Coppa col Lucerna e col Servette ci hanno segnato. Abbiamo una buona squadra, ma c'è stato qualche errore nella gestione. Sbagliano comunque tutti, anch'io visto che so che sono molto impulsivo".

Ieri Oss si è dimostrato una riserva all'altezza di Maric e mi chiedo perché non abbia giocato di più Angelo Renzetti

Il 67enne ha poi tracciato un bilancio della stagione: "Ci sta il calo nel finale, ma in altre situazioni dovevamo essere più coraggiosi, soprattutto in quelle due o tre partite che erano decisive. Devo dire che son contento per la solidità, abbiamo ottenuto la salvezza prima di altre volte. Ma ho avuto grande rammarico perché mai come quest'anno c'era l'opportunità per andare in Europa". Il numero 1 bianconero ci tiene a spiegare però che non colpevolizza nessuno: "Non ce l'ho con allenatore o coi giocatori, anzi li ringrazio. Ma certo c'è rammarico perché a livello psicologico e finanziario l'Europa sarebbe stata importante, anche perché avremmo potuto giocare in casa e accedendo ai gironi avremmo guadagnato anche più che in Europa League".

Se dovessi restare io confermerò Jacobacci Angelo Renzetti

Le questioni economiche restano importanti in seno al club ticinese, in particolare dopo una stagione a porte chiuse causa coronavirus. Angelo Renzetti apre così un ventaglio di possibilità per il futuro bianconero: "Ci sono degli interessati per l'acquisto. Tra questi c'è anche una cordata gestita dall'ex presidente del Basilea Bernhard Heusler, che vorrebbe il 100% della società che è molto interessante. C'è comunque  Leonid Novoselskiy che detiene il 40% delle azioni e bisogna vedere cosa deciderà di fare. Se dovessi rimanere io sarò costretto a fare mercato e fare cassa per sopravvivere".

È un caos che non finisce più il Ticino, deve esserci un fronte comune perché il calcio è di tutti Angelo Renzetti

Infine il presidente del Lugano ha detto la sua su un eventuale allargamento della Super League: "Con gli accorgimenti che verranno introdotti di avere meno stranieri e dell'obbligo di schierare tre U21 va bene restare a 10 squadre, però la Challenge League dev'essere assolutamente allargata per poter permettere di formare i giovani".

 
Condividi