Un ispirato Bottani a contatto con Darmian
Un ispirato Bottani a contatto con Darmian (Ti-Press)
Tabellino Risultati e classifiche

Il Lugano cede solo ai rigori contro l'Inter

Buona prova dei bianconeri nell'ultima amichevole precampionato

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Gli ultimi 90' di preparazione al campionato sono stati di buon auspicio per il Lugano. Davanti ai 1'800 spettatori di Cornaredo, nell'ambito della "Lugano Region Cup" i bianconeri hanno strappato un pareggio (2-2) all'Inter campione d'Italia diretta per la prima volta da Simone Inzaghi, poi capace di imporsi ai rigori.

Contro una squadra nerazzurra orfana di gran parte dei suoi abituali titolari - su tutti, diversi reduci da Euro2020 e Copa America - Abel Braga ha proposto dal primo minuto l'ex Chiasso Hajrizi in difesa e il giovane Muci in attacco in un undici altrimenti "collaudato". I primi pericoli sono stati di marca ospite, con Pinamonti (ben neutralizzato da Baumann) e Satriano (palo da posizione defilata). Poi però alla mezz'ora è stato il Lugano a passare, con un'azione originata da un duello vinto da Bottani con Dalbert e conclusa con il tap-in al volo di Lovric. Uno squillo a cui ha fatto seguito il clamoroso raddoppio bianconero con un gran tiro angolato dal limite di Facchinetti, prima della reazione quasi immediata dell'Inter per il 2-1, su corner, con D'Ambrosio (e un'uscita da dimenticare di Baumann).

Ad inizio ripresa è poi arrivato anche il pareggio con una bella giocata in area del 20enne Satriano. Tuttavia con il passare dei minuti è stato ancora il Lugano - più avanti nella preparazione fisica - a sfiorare un nuovo vantaggio, e al 60' ci è voluto un miracolo di Radu sul neoentrato Abubakar. Ma neppure l'inserimento di Demba Ba al 77' né per gli ospiti quello di Skriniar (autore di un gol annullato per fuorigioco al 90') sono serviti a modificare il risultato nei 90'. Spazio allora all'appendice dei rigori, che hanno premiato l'Inter. Comunque una prova confortante - specie sul piano delle iniziative offensive - dopo gli scialbi pareggi con Rapperswil e Winterthur, per un Lugano atteso al debutto in Super League domenica 25 luglio a Cornaredo contro lo Zurigo.

 
 
 
Condividi