Il 43enne commenta il successo dei bernesi
Il 43enne commenta il successo dei bernesi (rsi.ch)

"Il cammino imboccato è promettente"

L'assistente allenatore dello Young Boys Matteo Vanetta analizza la situazione

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dopo le belle prestazioni su palcoscenici di caratura europea, lo Young Boys si è riconfermato la macchina schiacciasassi della scorsa stagione anche in campionato. "È necessario un periodo di apprendimento dopo un cambio a livello tecnico - ha affermato l'assistente allenatore di David Wagner Matteo Vanetta - Il cammino imboccato è però promettente, il primo obiettivo (i gironi di Champions League, ndr.) è infatti stato raggiunto". Dieci calciatori che militano, o hanno militato, fra le fila bernesi hanno ricevuto una chiamata da parte di Yakin. "Mi sento molto più formatore, prima che allenatore. Il lavoro di tutti lo si vede poi nei progressi dei giocatori", ha confermato il 43enne.

È importante prendere entusiasmo dal pubblico Matteo Vanetta

La compagine si orienta ora sulla prossima sfida, quella contro il Manchester United. "L'entusiasmo è parecchio, ma finora non si è ancora pensato alla partita di Champions - ha continuato l'assistente allenatore. - La fatica mentale ricoprirà un ruolo fondamentale, perciò è necessario alimentare il fuoco in modo da poter superare eventuali momenti di difficoltà". Le finaliste della scorsa Europa League e la sempre ostica Atalanta, un girone di ferro. "I club forse non hanno il fascino di società più blasonate, ma calcisticamente saranno dei match ricchi", ha concluso Vanetta.

 
Condividi