Calcio

Mahou ha strappi devastanti

Le pagelle: bene anche Doumbia, Valenzuela e Haile-Selassie

  • 11 agosto 2022, 21:38
  • 23 giugno, 20:12
  • SPORT
Mahou

Si è guadagnato un 5

  • Ti-Press

di Omar Gargantini

Saipi 3,5: come all'andata poco impegnato, ma stavolta con l'erroraccio o per meglio dire il tentennamento sul gol del 2-0.

Arigoni 3: fa di tutto per esserci (problema alla caviglia) ma è come se non c'è. Prova bloccata, timida e titubante.

Mai 4: sufficienza d'incoraggiamento. Perché sembra un pochino meno timido in una cerniera centrale decisamente baby. Chiaro che ancora non basta per non far rimpiangere chi non c'è più.

Hajdari 3: fino alla pausa se ne sta sulle sue e sbaglia pochissimo. Nella ripresa limiti e inesperienza vengono fuori, compreso il pastrocchio sul 2-0.

Valenzuela 4,5: altra prestazione di sostanza e continuità (trova lui il rigore fallito da Sabbatini), forse un pochino meno intensa nella ripresa ma sempre di grande affidabilità.

Doumbia 4,5: uno dei migliori, per come si propone per farsi dare palla in uscita e per come si pone in fase di filtro difensivo.

Belhadj 4,5: conferma di star bene e di essere cresciuto. Suo l'inserimento che avrebbe dovuto sfociare in un primo rigore, sue molte palle giocate con costrutto.

Sabbatini 4: sarebbe una partita di livello quella del capitano, ma è macchiata da due peccati enormi: l'inguardabile rigore sbagliato e il duello con Vitor perso per il gol d'apertura.

Mahou 5: sta crescendo di gamba e i suoi strappi sono quasi sempre giusti e decisivi. Non a caso il rigore del gol bianconero lo conquista lui.

Haile-Selassie 4,5: meno devastante di Mahou ma anche lui bravo. Su entrambe le fasce è infatti un motorino che non si tira indietro nemmeno in copertura.

Babic 3: se Croci-Torti sperava di avere qualche certezza dal vice-Celar, beh, non è assolutamente stato il caso. Un solo guizzo in una serata che ha confermato come la brillantezza sia ancora lontanissima.

Durrer 3,5: arruffone ma coraggioso, di nuovo costretto in un ruolo non suo.

Maccoppi 3,5: non ha più il ritmo per stare a questi livelli ma ci sta.

Casciato, Molino e De Queiroz 4: entrano a partita compromessa ma lo fanno con lo spirito giusto.

Croci-Torti 5: non bluffava quando diceva di crederci. Se la gioca al meglio, purtroppo senza ricompensa, ma nonostante i soliti disagi nel gioco aereo rientra da Israele con qualche certezza in più.

Ti potrebbe interessare