Diversi aspetti ancora da migliorare
Diversi aspetti ancora da migliorare (Ti-Press)

"Sul piano della cattiveria voglio di più"

Il tecnico del Lugano Celestini è soddisfatto a metà della prova dei suoi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La partita persa contro l'Inter per 2-1 è stato l'ultimo test per il Lugano prima del debutto in campionato, previsto per domenica prossima in casa dello Zurigo. Il tecnico dei bianconeri si è detto soddisfatto a metà: "Abbiamo fatto alcune cose bene e altre meno. Con la palla tra i piedi stiamo pensando ancora troppo. Sul piano della cattiveria voglio di più, come negli ultimi 20 metri. Ma non c'è preoccupazione, soprattutto considerando l'avversario importante".

Junior? Da allenatore vederlo partire mi dispiacerebbe, ma so quanto è importante per la società saper vendere per chiudere il cerchio Fabio Celestini

Sulla stessa lunghezza d'onda anche il difensore Mijat Maric: "Lo sapevamo che dopo quattro settimane di preparazione le gambe non avrebbero fatto sempre quello che la testa voleva. Ci è servita anche da lezione per mettere ancora più attenzione alla partita di domenica contro lo Zurigo. Abbiamo giocato contro una squadra vera: penso che dell'Inter quest'anno sentiremo parlare su tutti i fronti".

In casa Inter a parlare è stato l'amministratore delegato Giuseppe Marotta, che ha stilato un bilancio del soggiorno sulle rive del Ceresio: "Il ritiro di Lugano è stato un periodo di grande tranquillità abbinato ad un lavoro intenso dal punto di vista calcistico. Le strutture che abbiamo utilizzato, da Villa Sassa a Cornaredo, sono state sicuramente all'altezza, e abbiamo apprezzato la disponibilità dal punto di vista umano che ci ha aiutato ad affrontare questo periodo nel modo migliore".

 
 
 
 
 
 
 
Condividi