Ultimo esercizio sullo stretto
Ultimo esercizio sullo stretto (rsi.ch)

"Attualmente è molto una questione di testa"

Serge Pelletier non è intenzionato a stravolgere le linee in vista di Berna e Ambrì

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Luca Steens

Alla Cornèr Arena ci si prepara con serenità e concentrazione in vista degli impegni del weekend, con il programma che dapprima propone la sfida sempre sentita con il Berna venerdì e poi La Partita per antonomasia, il derby con l'Ambrì domenica. Gli uomini di Serge Pelletier sembrano dunque aver messo alle spalle la sconfitta con il Bienne come spera lo stesso coach: "Nel processo per diventare una squadra vincente non bisogna essere mentalmente troppo in alto o troppo in basso nei vari momenti della stagione per affrontare la prossima partita. La squadra e il singolo giocatore devono essere bravi a dimenticare l'ultimo risultato, bello o brutto che sia, per affrontare la prossima sfida".

Da quello che si è visto in allenamento oggi, il 55enne svizzero-canadese non ha intenzione di stravolgere le linee, con i soli Walker e Fazzini invertiti: "Quando giochi tante partite in pochi giorni è molto una questione di testa. La natura umana è fatta che quando vinci anche con un grande risultato hai la tendenza a presentarti alla prossima uscita con un attimo di leggerezza. Se invece perdi male, come contro il Ginevra giovedì scorso, vuoi reagire".

Dobbiamo scrivere noi la nostra storia. Il destino è nelle nostre mani Serge Pelletier

L'allenatore dei bianconeri inquadra così la sfida con gli Orsi: "Al di là della classifica per noi è importante ritrovare il nostro gioco e la nostra solidità. Loro hanno già fatto tanti cambiamenti di formazione da inizio stagione e nelle ultime partite erano molto in forma. Saranno un avversario difficile".

Adesso per la squadra non è più un problema di fisico, è pronta. In allenamento si fanno solo alcuni aggiustamenti Serge Pelletier

Per quanto concerne il roster, rientrerà il solo Traber che è guarito. "Herburger non lo vedremo in pista nel weekend, speriamo di riaverlo per la prossima settimana. Morini ha ancora dolori all'adduttore, e fin quando ci sarà il dolore non si parla di un ritorno. Riva... è il più lungo a livello di ritorno sul ghiaccio: difficilmente lo vedremo già a marzo".

I terzetti d'attacco: Bürgler, Arcobello, Boedker; Fazzini, Lajunen, Suri; Walker, Sannitz, Bertaggia; Traber, Romanenghi, Haussener (Lammer, Zangger).

Le coppie di difesa: Heed, Wellinger; Loeffel, Chiesa; Nodari, Wolf; Antonietti, Villa.

 
Condividi