Gioia incontenibile
Gioia incontenibile (Ti-Press)

Cereda: "Sono fiero dei miei ragazzi"

La concentrazione è stata l'arma decisiva dei Rockets

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Luca Cereda, almeno nei panni d'allenatore, difficilmente dimenticherà questa serata, dove coi suoi ragazzi dei Ticino Rockets ha eliminato dalla Coppa Svizzera nientemeno che il Berna, campione nazionale in carica. "È stata una partita molto emozionante per noi, ma anche per il pubblico - ha spiegato a fine match il coach ticinese - Sono veramente felice e fiero dei nostri ragazzi perché hanno dato tutto e sono riusciti a battere una squadra forte e abituata a vincere".

Come si è arrivati a questo risultato? "Non è stato un discorso tattico ad aver fatto la differenza, ma piuttosto la disciplina del mantenere il focus sul nostro gioco - continua Cereda - Quando sono arrivate le numerose penalità contro di noi siamo stati bravi a non perdere la testa: siamo andati avanti a giocare il nostro gioco e questo ci ha permesso di fare un terzo tempo molto buono dove a mio parere abbiamo meritato la vittoria".

"Non ho molto apprezzato quel comunicato stampa del Berna dove annunciavano che sarebbero venuti in Ticino con una squadra rimaneggiata..." Luca Cereda

Ed è così arrivata, in modo assolutamente inatteso, la prima, storica vittoria per questo giovanissimo club... "Un successo molto importante a livello morale per noi allenatori, mentre per la società è una boccata d'ossigeno a livello finanziario perché avremo un'altra partita in casa", conclude l'allenatore dei Rockets.

 
Condividi