Il redattore di Watson.ch
Il redattore di Watson.ch (rsi.ch)

"Il contesto bianconero è più difficile"

Klaus Zaugg mette sotto la lente il contrastante inizio di stagione di Ambrì e Lugano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dopo la pausa dedicata alla Nazionale, le formazioni ticinesi sono ritornate in pista ma con sentimenti contrastanti. "Lugano e Ambrì hanno gli stessi punti: un sogno per i leventinesi, un mezzo incubo per i bianconeri - ha affermato Klaus Zaugg - I secondi sono abituati a costruire la loro storia sui titoli del successo, i primi sono invece già felici di continuare a far parte del massimo campionato. Noi ricordiamo sempre le difficoltà dei biancoblù ed una posizione più privilegiata del ricco Lugano, in realtà dovremmo ragionare al contrario", ha continuato il 64enne.

È più difficile muoversi in un contesto come quello luganese dove le emozioni e le aspettative spesso si scontrano Klaus Zaugg

Emozioni differenti, ma stesse difficoltà in termini di stranieri: "La concorrenza nell'accaparrarsi i giocatori più forti è sempre più elevata, siamo abituati a vedere l'Ambrì come una società con pochi mezzi e quindi in difficoltà mentre si tende a considerare strano che Domenichelli e il ricco Lugano non riescano a pescare stranieri decisivi. I giocatori liberi sono però pochi e senza un pizzico di fortuna è difficile ingaggiarli, non dimentichiamo però che da soli non bastano", ha puntualizzato il redattore di Watson.ch.

Il Rapperswil è una sorta di Disneyland, nessuno si interessa a questa realtà Klaus Zaugg

I punti di forza di Ambrì e Lugano sono sicuramente in panchina. "Cereda e McSorley non potrebbero essere più differenti - ha affermato Zaugg - Il primo conosce alla perfezione la mentalità ticinese, interpreta la filosofia del club insieme a Duca e tutto quello che dice è in un certo senso vangelo; Chris è uno straniero, anche quello che dice lui è parola d'ordine ma credo che attualmente il suo problema sia doppio: il Lugano lo rispetta troppo, ma anche lui ha parecchia riverenza verso la società", ha concluso il 64enne.

 
Condividi