Grande battaglia
Grande battaglia (JustPictures)
Bienne
3
Ambrì Piotta
2
  • 5' Kessler
  • 7' Rathgeb
  • 57' Hofer
  • 29' McMillan
  • 40' Heim
Tabellino Risultati e classifiche

L'Ambrì paga caro un inizio da incubo

Alla Tissot Arena i leventinesi sono stati sconfitti 3-2 dal Bienne

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'Ambrì si è presentato alla Tissot Arena a caccia di riscatto e soprattutto di nuovi punti per impreziosire la propria classifica. Missione compiuta a metà, dato che i biancoblù sono riusciti a mettere in pista una prestazione convincente, ma hanno dovuto arrendersi 3-2 al Bienne. Un powerplay che ha finalmente dato segnali incoraggianti e un ottimo Ciaccio non sono però bastati ai sopracenerini, che sono dovuti tornare in leventina a mani vuote, incassando la terza sconfitta consecutiva, e addirittura la 7a lontano dalla Gottardo Arena.

In pista con la stessa formazione vista all'opera contro il Ginevra, fatta eccezione per Pezzullo che ha preso il posto dell'acciaccato Burren, l'Ambrì ha vissuto un inizio di match da incubo, incassando ben due reti tra il 4'39" e il 6'18", a firma Kessler e Rathgeb, che hanno costretto Cereda a chiamare il time-out ancora prima di metà primo tempo. La strigliata del coach leventinese ha dato i suoi frutti, perlomeno in termini di concentrazione, permettendo a Grassi e compagni di chiudere in crescendo il primo periodo, e di limitare le sortite offensive dei Seeländer. Il secondo tempo è iniziato con 1'32" residui di superiorità numerica per i biancoblù, che non hanno però prodotto alcuna rete.

Poco male però, perché alla seconda occasione con l'uomo in più sul ghiaccio l'Ambrì ha dato prova di grande carattere, insediandosi con ordine nel terzo offensivo, e trovando con McMillan al 28'30" la tanto agognata rete con l'uomo in più. Sulla scia dell'entusiasmo, la formazione leventinese ha poi superato indenne due inferiorità quasi consecutive, trovando al 39'05" con Heim il meritato pareggio. Andato agli archivi un secondo periodo caratterizzato da grande ritmo ed intensità, gli ultimi 20' non sono stati da meno. I sopracenerini si sono difesi con ordine e hanno spinto parecchio in fase offensiva ma senza riuscire a battere per la terza volta Van Pottelberghe. Una penalità inflitta a Zaccheo Dotti al 55'47" ha poi propiziato la rete della beffa firmata dall' ex Hofer, che ha fissato il punteggio sul definitivo 3-2.

 
 
 
Condividi