La stretta di mano al termine di gara-1
La stretta di mano al termine di gara-1 (Ti-Press)

La finale tutta ticinese

Grandi momenti di sport ticinese: 27 marzo 1999

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Piergiorgio Giambonini

Nella lunga ed esaltante storia dei derby ticinesi di hockey (giunti ormai a quota 233) un capitolo particolare lo occupano ovviamente quelli giocati nei playoff, con semifinali (1987 e 1989) e quarti (1990 e 1994) a fare da… antipasto alla storica finalissima tutta ticinese della primavera 1999. Altre sfide cantonali di playoff seguiranno poi già nelle semifinali del 2000, quindi nei clamorosi quarti del 2006.

La stagione 1998-1999 chiude dunque alla grande il millennio dell’hockey nostrano. Trascinato da Petrov (35 reti e 52 assist in 45 partite) e Di Pietro (38 / 44), l’Ambrì-Piotta del presidente Juri e di coach Huras domina la regular-season: miglior attacco, miglior difesa, 8 punti di vantaggio sullo Zurigo e 10 sul Lugano. Nei playoff i biancoblù fanno fuori Rapperswil e Kloten, mentre i bianconeri eliminano Davos e Zugo. E così il 27 marzo 1999 l’hockey ticinese inizia a scrivere il capitolo più esaltante della sua storia.

Il Lugano del presidente Gaggini e di coach Koleff vince 3-2 ai rigori gara-1 alla Valascia, l’Ambrì pareggia i conti imponendosi 5-3 alla Resega, quindi i bianconeri tornano ad imporsi in Valle stavolta per 3-2 nell’overtime, vincono 4-0 in gara-4 casalinga e il 5 aprile si laureano campioni chiudendo sul 3-1 il quinto e ultimo storico derby di finale.

 
Condividi