Con il coach dei portieri Michael Lawrence
Con il coach dei portieri Michael Lawrence (rsi.ch)

"Parlare di progressi non serve, servono punti"

Kapanen tiene il Lugano con i piedi per terra alla vigilia di un weekend importante

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Andrea Torreggiani

La vittoria di Friborgo ha decisamente rasserenato l'ambiente bianconero. Anche un po' troppo per i gusti di coach Kapanen, che nell'allenamento odierno non ha esitato a richiamare all'ordine i suoi giocatori quando li ha visti rilassarsi eccessivamente. "È giusto essere felici e sereni dopo un successo - ha sottolineato il finlandese - ma non dobbiamo dimenticarci che si è trattato solo di una partita e che c'è ancora tanto lavoro da fare".

Non è il momento di guardare la classifica, pensare troppo al fatto che siamo nelle parti basse della graduatoria toglie energie Sami Kapanen

Vincere a Friborgo ha un po' consolidato la traballante panchina di Kapanen, ma il 46enne è conscio che delle prestazioni negative della squadra nelle sfide di domani a Langnau e di sabato alla Cornèr Arena contro lo Zurigo potrebbero ancora costargli il posto. "La società fin qui è stata estremamente paziente con me - ha detto l'ex attaccante - e di questo le sono grato, ma nello sport contano solo i risultati e se questi continueranno a non arrivare, la pazienza finirà. Parlare di progressi non serve a niente, ci vogliono vittorie e punti".

Kapanen, che fino alla pausa per la Nazionale dovrà fare a meno di Wellinger (operato per una borsite ad un malleolo), si è espresso chiaramente anche sul nuovo attaccante straniero che ha richiesto alla società: "Vorrei un vincente, un giocatore voglioso di integrarsi velocemente nella squadra e nel sistema. Ci serve un elemento forte nell'uno contro uno, dotato di buon pattinaggio e conscio dell'importanza del gioco difensivo. So che sarà difficile trovare qualcuno con tutte queste qualità, ma sono sicuro che là fuori c'è qualcosa di buono", ha concluso il coach dell'HCL.

Terzetti d'attacco: Bürgler, Lajunen, Klasen; Fazzini, Sannitz, Bertaggia; Lammer, Romanenghi, Suri; Zangger, Haussener, Jörg; Walker.

Coppie di difesa: Postma, Chorney; Chiesa, Riva; Loeffel, Vauclair; Jecker.

 
Condividi