Contento ma non troppo
Contento ma non troppo (Ti-Press)

"Se non gioco altri 5 match, la storia cambierà"

Spooner non vuole andarsene ma vuole avere la sua opportunità

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Spooner o non Spooner, questo è il dilemma. Ma ora va capito fino a quando questo quesito ci sarà, o meglio fino a quando il canadese Ryan Spooner, annunciato da molti addetti ai lavori come colpo di mercato e possibile straniero dominante nel nostro campionato, accetterà di starsene fuori dalla mischia, emarginato dal gioco e dal campionato.

Il numero 51 bianconero, che dovrebbe comunque scendere sul ghiaccio martedì a Rapperswil, una sua idea evidentemente se l'è già fatta: "Questa situazione sta arrivando al punto in cui qualcuno dovrà prendere delle decisioni. Io sono qui per fare il mio lavoro, ma anche gli allenatori devono fare il loro lavoro. Ho 27 anni e devo giocare a hockey, quindi se continuerò a non giocare si arriverà al punto in cui probabilmente mi diranno qualcosa".

Non so cosa succederà, ma al momento sono contento di essere qui Ryan Spooner

Il nordamericano non ha comunque intenzione di arrendersi: "Sono intenzionato a ritrovare il mio posto nel line-up. Voglio giocare nel Lugano, questo è tutto ciò a cui penso. Se uno resta in tribuna per 10 partite sicuramente dietro c'è una logica, un ragionamento. Ripeto, io voglio giocare qui, non me ne voglio andare. Ovviamente però se non giocherò per altre 5 partite... la storia cambierà. Adesso voglio aiutare questa squadra e voglio diventare un giocatore importante nella lega, so che posso farlo, ma per riuscirci deve essermi data la possibilità di  giocare..."

Non so cosa pensa l'allenatore, non ne abbiamo veramente parlato Ryan Spooner

Una situazione già vissuta in NHL da  Ryan Spooner quando dopo le prestazioni a Boston strappò un contratto biennale di 8 milioni di dollari con i NY Rangers prima di essere tagliato e ritrovarsi in AHL: "Sono abituato ai contraccolpi. Pensavo che la situazione qui fosse molto migliore, ma alla fine è come in Nordamerica. Sono nello stesso incubo e sto ancora cercando di uscirne e tornare.

 
Condividi