Il ceco è sempre più a suo agio nel nostro campionato
Il ceco è sempre più a suo agio nel nostro campionato (JustPictures)

Solisti biancoblù al servizio del collettivo

Spacek in orbita, Zwerger invece logicamente zavorrato

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Omar Meshale

Sì, il derby è alle spalle. Lo si era già intuito sabato dopo la quarta vittoria su quattro oltre il 60', ieri è arrivata una solida conferma sul ghiaccio dei campioni svizzeri, dove l'Ambrì ha nuovamente dimostrato di essere una squadra completa. Oltre a Bürgler, top scorer del campionato con sei centri, sono già andati a segno 14 giocatori: i leventinesi segnano in powerplay, in inferiorità numerica e a ranghi completi creano e soprattutto trasformano occasioni con continuità. Il quarto posto è una logica conseguenza del lavoro portato sul ghiaccio da quattro linee, i cui interpreti sono stati ritoccati da Luca Cereda senza flessioni di rendimento. Chapeau!

*** Spacek: un piccolo Cervenka. Lungi da noi iperbolizzare l'impatto del 25enne sulla formazione leventinese, ma non c'è solo il bronzo vinto insieme al più illustre capitano della Cechia al recente Mondiale ad accomunare i due. Spacek è capace di giocate quasi mai fini a se stesse, ma utili a migliorare il rendimento di chi gli gioca accanto. Il centro nel weekend passato ha permesso ad esempio a Pestoni di accendersi. Con Jalonen, tecnico dell'appena citata Cechia, interessato spettatore a Zugo a prendere nota.

** Bürgler: miglior realizzatore del campionato dunque, sei reti come Rasmussen del Davos: due decisive all'overtime, una in superiorità numerica e una in shorthand. Totale! Esempio di professionalità e di come a 34 anni si possa ancora migliorare. Il terzetto con Heim e Kneubuehler è un intoccabile ritornello nell'impianto leventinese.

* Wüthrich: Shore è in crescendo di prestazioni e la rete di ieri lo certifica, Virtanen un valore sicuro a tutta pista, ma la sorpresa del weekend è indubbiamente l'inserimento del 23enne in Leventina. Alle prime pattinate in stagione si è fatto subito trovare pronto, e nel buon minutaggio concessogli da Cereda ha mostrato presenza e solidità.

- Zwerger: svanita l'adrenalina iniziale, l'austriaco è logicamente imballato. Il lungo stop estivo ne sta condizionando brillantezza fisica e di riflesso la rapidità di pensiero e nelle giocate.

 

Legato a Rete Uno Sport 03.10.2022, 07h15

Condividi