Partita combattuta
Partita combattuta (freshfocus)
Zurigo
5
Ambrì Piotta
2
  • 14' Roe
  • 43' C.Baltisberger
  • 52' Malgin
  • 55' Pedretti
  • 60' Malgin
  • 30' Grassi
  • 51' McMillan
Tabellino Risultati e classifiche

Un caparbio Ambrì si arrende allo Zurigo

Leventinesi battuti per 5-2 all'Hallenstadion e superati in classifica

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'Ambrì ha confermato sul ghiaccio di essere in un buon periodo di forma, ma non è però riuscito a portare a casa punti dalla propria trasferta all'Hallenstadion. Pestoni e compagni si sono infatti dovuti arrendere allo Zurigo per 5-2 e sono stati così di nuovo superati in classifica dal Berna, vittorioso sul Ginevra.

È stata la squadra di Cereda, confermata in blocco dopo il successo sul Davos, a cominciare meglio, con una doppia occasione per l'uomo del momento, Bürgler. Col passare del tempo però lo Zurigo ha decisamente alzato il ritmo andando a trovare la rete del vantaggio con Roe al 13'32" in seguito a un disco recuperato dietro la gabbia leventinese. La pressione dei padroni di casa è proseguita nel secondo terzo, con una traversa colpita da Andrighetto (che poi ne colpirà una seconda), ma stavolta sono stati i sopracenerini a venir fuori alla distanza, sfiorando il gol con un paio di spunti di Kneubuehler e Moses e poi centrando il meritato pari con Grassi.

Il periodo conclusivo si è aperto con la rete di stinco di Baltisberger su tiro del solito Andrighetto in powerplay. Al 47'02" è poi giunto un nuovo pareggio dell'Ambrì in una situazione molto confusa, che gli arbitri hanno poi però annullato in seguito al challenge dello Zurigo (con relativo protesto inoltrato dai leventinesi per le tempistiche dello stesso). McMillan ha però riacciuffato comunque i Lions poco più tardi, anche se in realtà è stato Quenneville a infilare il disco nella propria rete. È stato allora Malgin a risolvere la contesa, rubando un disco a Fora e involandosi a battere Conz per il 3-2 decisivo, in seguito abbellito dai gol di Pedretti e ancora del top scorer locale mentre Bianchi e compagni erano sbilanciati in avanti.

 
 
 
 
Condividi