Nel 1984 il trionfo continentale con la Lancia Delta della scuderia di Cesare Fiorio (Reuters)

Carlo Capone, il rallysta dall'animo spezzato

La vicenda del pilota italiano, profondamente segnato dalla depressione

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Marcello Ierace

Camminare sul filo, anzi correre, può essere ben più di una metafora. Può essere uno stile di vita. Per alcuni però è anche una condanna. La dannazione di passare un'esistenza a cercare le linee giuste, le traiettorie più efficaci, le curve perfette e poi di colpo rendersi conto di aver perso completamente la strada. Finendo per girare in tondo, sempre attorno allo stesso punto. Sempre con in testa quell'unico tragico momento che ha stravolto il tuo vivere. Un no che fa male, una figlia che non c'è più, una diagnosi di depressione. Questa è la storia di Carlo Capone.

 

Playlist
The sound of silence - Disturbed, 4’09” (Warner Bros)
Fast car - Ryan Montbleau, 4’33” (Blue’s Mountain)

Condividi