Una grande perdita per il mondo motoristico cantonale
Una grande perdita per il mondo motoristico cantonale (Foto Sargenti)

Flavio Finardi, presidentissimo del rally

Si è spento a 73 anni il fondatore della Lugano Racing Team

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Piergiorgio Giambonini

Il piccolo grande mondo del "motorsport" cantonale piange la scomparsa di Flavio Finardi, fin dagli anni Settanta anima, animatore e per decenni appassionato presidente della Lugano Racing Team.

Tra i promotori e fondatori della scuderia nata nel 1975 a sostegno dei piloti ticinesi attivi sui vari fronti agonistici, Flavio Finardi ne assunse appunto la presidenza già nei primi tre anni, per poi dedicarsi in primis alla gestione di un'attività agonistica concentrata a lungo andare nel settore dei rally. Accettò di tornare alla guida del comitato nel 1990, in un momento in cui la LRT era a rischio chiusura: sotto la sua guida la scuderia è invece rinata ed è diventata il punto di riferimento del rallismo rossocrociato, tanto da conquistare la bellezza di 22 titoli nazionali assoluti con gli equipaggi assistiti a partire dal 1980, undici dei quali consecutivi tra il 2002 e il 2012.

Di professione broker assicurativo, Flavio Finardi è rimasto alla testa della Lugano Racing Team in totale per trent'anni, fino all'inizio del 2018. Anno in cui, sempre e comunque presente al… fronte, ha avuto l'enorme gioia e soddisfazione di poter condividere e festeggiare con la "sua" scuderia e il suo successore Thierry Ghiggia il primo titolo tutto ticinese (poi bissato l'anno successivo dallo stesso equipaggio) grazie a Ivan Ballinari e ai suoi navigatori Paolo Pianca e Giusva Pagani!

Una soddisfazione immensa, quella provata da Flavio Finardi in occasione del decisivo Rally del Vallese alla fine di ottobre di due anni fa: per lui - fresco di nomina a presidente onorario - e per tutta la grande famiglia della LRT quello fu in tutto e per tutto il definitivo coronamento del Sogno con la esse maiuscola cullato e inseguito fin dall'ormai lontanissimo 1975.

 
Condividi