Sguardo positivo
Sguardo positivo (Keystone)

"Possiamo creare problemi al Portogallo"

Per Shaqiri la Serbia è alle spalle, tornano ad allenarsi regolarmente Sommer ed Elvedi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Mancano due giorni all'importante sfida contro il Portogallo che mette in palio il biglietto per i quarti di finale a Qatar 2022 e l'interesse verso la Nazionale svizzera, una delle 16 compagini ad aver superato i gironi, si fa sempre più alto. "È normale che l'attenzione mediatica aumenti - ha spiegato Xherdan Shaqiri al termine della sessione odierna - La gente ora vuole essere informata. In fondo siamo agli ottavi di un Mondiale, è un evento speciale".

Nel gruppo rossocrociato nel frattempo sono tornati ad allenarsi insieme al gruppo Yann Sommer e Nico Elvedi, che paiono completamente recuperati, mentre si è fermato sempre a causa del raffreddore Fabian Schär. I postumi del successo sulla Serbia quanto si fanno sentire nello spogliatoio? "Rispetto a quattro anni fa si è detto e scritto molto di meno, ma non credo che questa sia la ragione per cui abbiamo perso contro la Svezia", ha sentenziato XS23.

Dovremo dare il massimo in questa partita. Anzi, dirò di più, dovremo superare i nostri limiti Xherdan Shaqiri

Contro i lusitani servirà un'altra prestazione maiuscola, per ripetere l'impresa degli ultimi Europei ed andare a vincere anche al Mondiale uno scontro della fase ad eliminazione diretta. "Il Portogallo lo conosciamo. Ci abbiamo giocato spesso, vincendo e perdendo - ha concluso Shaqiri - Siamo contenti di affrontare questa sfida anche se sarà dura. In fondo chi perde va a casa, ma siamo convinti di poter creare dei problemi ai portoghesi e lo abbiamo già dimostrato".

 
Condividi