L'ultima volta finì ai rigori
L'ultima volta finì ai rigori (Keystone)

Tra Paesi Bassi e Argentina regna l'equilibrio

Oranje outsider in crescendo, Albiceleste favorita non del tutto convincente

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I precedenti: Paesi Bassi e Argentina si affrontano per la sesta volta nella storia dei Mondiali e il bilancio è assolutamente equilibrato. Due vittorie Oranje, due dell'Albiceleste ed un pareggio. Messi e compagni si imposero nell'ultimo confronto diretto nella semifinale di Brasile 2014, ma soltanto ai calci di rigore. Per rivedere un successo olandese alla Coppa del Mondo, bisogna invece risalire fino a Francia 1998 dove, grazie alle reti di Kluivert e Bergkamp, gli allora ragazzi di Guus Hiddink vinsero 2-1.

Il confronto con l'ultimo Mondiale: arrivata in Russia da vicecampione in carica - beffata soltanto da Götze al 112' - l'Argentina non incantò per nulla nel 2018. Partita con un pareggio contro l'Islanda, malmenata dalla Croazia nella seconda partita e vittoriosa all'86' contro la Nigeria, superò i gironi con 4 punti ed uscì agli ottavi dopo il 4-3 subito dai futuri campioni della Francia. Iniziato male il cammino in Qatar, l'Albiceleste ha fornito due buone prove contro Messico e Polonia, ma nel primo match ad eliminazione diretta contro l'Australia non è stata del tutto convincente.

Assenti nel 2018 dopo la finale del 2010 ed il terzo posto del 2014 con la generazione di Sneijder e Robben, i Paesi Bassi sono una squadra in ricostruzione, ma apparsa già molto solida. Fortunata in occasione del sorteggio e superato senza fatica un poco indicativo Gruppo A, la Nazionale olandese ha fornito la prova più convincente negli ottavi contro gli USA. Arrivare da outsider al cospetto dell'Argentina potrebbe non rivelarsi svantaggioso.

 
 
Condividi