I due protagonisti della conferenza
I due protagonisti della conferenza (Keystone)

Yakin: "Siamo una squadra di qualità"

Il tecnico elvetico e Akanji non parlano di politica in vista di Svizzera-Serbia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Ormai tra poco più di 24 ore la Svizzera sfiderà la Serbia nel match di chiusura del Gruppo H, che nei fatti è una sfida da dentro o fuori per decidere chi accompagnerà il Brasile agli ottavi. Nella conferenza stampa che anticipa la partita di domani, il mister Murat Yakin ha subito precisato le condizioni dei rossocrociati acciaccati, con Yann Sommer e Nico Elvedi che non si sono allenati per un raffeddore: "Hanno avuto una notte difficile, ma domani non ci dovrebbero essere problemi e saranno pronti a giocare. Quanto a Shaqiri e Okafor, si sono allenati bene e anche loro saranno pronti".

Conta solo lo sport adesso e i giocatori hanno molto rispetto l'uno per l'altro Murat Yakin

La strategia per il 48enne è chiara: "Dobbiamo fare il nostro gioco sin dall'inizio per guadagnare la qualificazione. Siamo una squadra di qualità e dobbiamo farlo vedere". L'ex tecnico del Basilea ha preferito schivare ogni domanda dei giornalisti sulla valenza "politica" dell'incontro: "Siamo una squadra e ci interessa solo il calcio. Vogliamo rendere orgogliosi i nostri tifosi e basta".

Chi preferisco affrontare tra Mitrovic e Vlahovic? Non è importante, sono entrambi ottimi giocatori, ma io sarò pronto Manuel Akanji

Sulla stessa lunghezza d'onda anche il difensore Manuel Akanji: "Quello che conta per noi è la partita e pensare di vincerla. Abbiamo due risultati? Dobbiamo essere intelligenti, noi scendiamo in campo per vincere, ma è chiaro che se nel finale dovesse essere pari non rischieremo troppo. Non sappiamo cosa succederà, ma credo che noi siamo la squadra migliore".

 
 
 
Condividi