Per ora gli spalti del Philippe Chatrier rimangono vuoti
Per ora gli spalti del Philippe Chatrier rimangono vuoti (Keystone)

Tennis lacerato, tra interessi e vuoto di potere

Lo spostamento del Roland Garros ha fatto emergere tensioni neanche troppo sopite

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Tra i vari effetti collaterali del coronavirus bisognerebbe inserire anche un rischio di alta irritabilità. Ne sa qualcosa il mondo del tennis che, in pieno trambusto da COVID-19, si sta dimostrando molto più fragile di quanto ci si potesse immaginare. La decisione - improvvisa e a quanto pare poco concertata - di spostare in autunno il Roland Garros, andando a sovrapporsi sulla Laver Cup, ha fatto emergere infatti importanti tensioni che in questi anni si era cercato il più possibile di nascondere sotto il tappeto. Da una parte ATP e WTA, dall'altra la Federazione internazionale (l'ITF) e in mezzo gli organizzatori dei Grandi Slam, le diverse federazioni nazionali e gli stessi giocatori che, sempre più, dall'alto del proprio potere economico, pretendono di dire la loro su pianificazione e organizzazione della stagione agonistica.

"Le differenze tra i vari interessi sono troppo grandi e si sono creati degli squilibri troppo evidenti - ha commentato il giornalista della Gazzetta dello Sport Vincenzo Martucci ai microfoni di Rete Uno Sport - L'ITF che ha perso potere e credibilità con la nuova Coppa Davis, che obiettivamente non piace a nessuno, e questo ha portato gli altri interlocutori a non riconoscere più alla stessa Federazione internazionale il ruolo di numero uno".

Nel tennis non c'è e non ci può essere alcuna collaborazione Vincenzo Martucci

Ma il giornalista italiano non è ovviamente l'unico a vederla in questo modo. Marc Rosset, notoriamente uno senza troppi peli sulla lingua, ha così commentato la diatriba su RTS: "In effetti si sta facendo una magra figura. Tra ITF, ATP e i tornei di Grande Slam si è creata una sorta di guerra di non comunicazione"

Alla fine ognuno cerca di difendere i propri interessi e questo è davvero un peccato Marc Rosset

 

 
Condividi