Promozione dell'italofonia

La RSI contribuisce alla difesa e alla diffusione della lingua italiana in Svizzera. Un compito sancito dalla Concessione

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Già con il proprio nome - Radiotelevisione svizzera di lingua italiana - la RSI indica la propria ragion d’essere in un’ottica di politica culturale: contribuire in maniera decisiva alla difesa e alla diffusione della lingua italiana in tutta la Svizzera. Nel 2019 il nostro Paese contava circa 8.4 milioni di abitanti: per poco meno di 700 mila persone quella italiana è la lingua principale. Quest’ultima cifra indica anche come gli italofoni residenti nella Svizzera tedesca e francese siano in numero pari se non superiore a quelli del Ticino e delle 4 valli del Grigioni italiano (Moesano, Calanca, Bregaglia e Valposchiavo) in cui la lingua ufficiale è, appunto, l’italiano.

La promozione della lingua e della cultura italiana fa implicitamente parte dei compiti affidati alla SSR – che lo delega alla RSI – dall’art. 3 della Concessione.

Dal 2019 la RSI è partner – insieme al Dipatimento dell’educazione, della cultura e dello sort del Canton Ticino e al Percento clturale Migros – del progetto Italiando promosso dall’Ufficio federale della cultura, che offre soggiorni nella Svizzera italiana a ragazze e ragazzi delle altre regioni linguistiche: https://www.rsi.ch/speciali/intrattenimento/frontaliers/Italiano-lingua-di-frontiera-2788576.html

RSI collabora strettamente anche con altre istituzioni , tra le quali il Forum per l’italiano in Svizzera http://www.forumperlitalianoinsvizzera.ch/ e le cattedre universitarie di italianistica.