Da Storie a Oliver Stone

JFK, 60 anni dopo

La RSI ricorda l’anniversario con film e documentari

  • 14 November 2023, 09:39
JFK.jpg

Questo novembre saranno passati 60 anni dalla tragica morte di John Fitzgerald Kennedy: mercoledì 22 novembre su LA 2 alle 22.50 circa andrà in onda il film JFK vincitore di due premi Oscar (Migliore fotografia e Miglior montaggio) e un Golden Globe (Miglior regia). Dopo la messa in onda, il film sarà disponibile sul Play RSI per 30 giorni.

Film storico di Oliver Stone
con Kevin Costner, Sissy Spacek, Kevin Bacon, Tommy Lee Jones, Laurie Metcalf,
Gary Oldman
USA 1991

Il procuratore distrettuale di New Orleans Jim Garrison, scettico riguardo al rapporto Warren sull'attentato al presidente Kennedy, ha elaborato uno studio che ne ribalta le conclusioni. In anni di lavoro e grazie a testimonianze, prove balistiche e confessioni segrete, Garrison ha potuto dimostrare l'esistenza di un complotto voluto dalle alte gerarchie militari, dalla mafia, dai circoli anticastristi, dai costruttori di armi e dallo stesso vicepresidente Lyndon Johnson. John Kennedy infatti, con la sua politica pacifista e improntata alla nuova frontiera, aveva scalfito gli interessi di troppi intoccabili. presidente Kennedy.

LA RSI ricorda l’avvenimento con altri momenti del suo palinsesto.

Storie: JFK – 24 ore che hanno cambiato il mondo (documentario di Ellie Coleman) – LA 1, domenica 19 novembre, 20.40

Questo documentario riunisce archivi provenienti da tutto il mondo, raramente visti dal grande pubblico. La straordinaria composizione di immagini storiche copre le ultime 24 ore del mandato del Presidente John F. Kennedy e il successivo arresto e omicidio del presunto unico attentatore Lee Harvey Oswald.

Ospiti di Rachele Bianchi Porro, lo sceneggiator Cesare Ferrario e il saggista Diego Verdegiglio, considerato tra più grandi esperti del caso Kennedy.

DOC: JFK (documentario in prima visione di Alastair Layzell) – LA 1, giovedì 23 novembre, 23.15

Uno degli attentati più famosi della storia visto dalla prospettiva di chi ha dovuto darne notizia in televisione a un Paese attonito. Walter Cronkite, con la sua voce calda e rassicurante, prende per mano un’intera nazione in balia degli eventi e la guida in una lunga diretta, districandosi tra flash d’agenzia, notizie non confermate, mezze ammissioni e precipitosi annunci radio, passando attraverso notiziari flash sempre più espliciti, e arrivando a ufficializzare l’innegabile verità che nessuno vorrebbe sentire: la morte del presidente John Fitzgerald Kennedy.

Correlati

Ti potrebbe interessare