Fridtjof Nansen (Keystone)

L’eredità di Nansen

di Alessandro Bertellotti

Pochissimi altri personaggi sono stati protagonisti del XX secolo come il norvegese Fridtjof Nansen. Esploratore polare, ricercatore, scienziato, e in grado di vincere il premio Nobel per la pace nel 1922. La sua fama e la sua credibilità vennero messe a frutto per trovare una soluzione dignitosa per milioni di persone alla fine della prima guerra mondiale. Prima i soldati austro-ungarici e tedeschi sconfitti e ancora oltre le linee nemiche, poi i rifugiati, quindi lo scambio di popolazione tra Grecia e Turchia, infine il riconoscimento della popolazione armena dopo il genocidio. Nansen aveva sempre una risposta ed una soluzione ad ogni problema umanitario, il suo pragmatismo e la forza di volontà per trovare una soluzione sono ancora oggi le basi dell’intervento a favore di sfollati e richiedenti l’asilo nel mondo. E cent’anni fa nasceva il “Passaporto Nansen” un documento che certificava l’identità di una persona che sarebbe altrimenti rimasta apolide e priva di statuo giuridico, documento riconosciuto da decine di governi nel mondo.

Bibliografia e approfondimento

Per consultare l’archivio delle Nazioni Unite a Ginevra

Per una guida alla ricerca su Nansen e la Società delle Nazioni

Marzio Mian "Artico, la battaglia per il grande nord", Neri Pozza editore

Fridtjof Nansen, "Nel cuore della Groenlandia, la traversata con gli sci del 1888", edizioni Galaad

Ora in onda Prima fila - Concerto Coro RSI (r) In onda dalle 20:30
Brani Brani in onda Shuffle Set - The Magpies Ore 19:57