Paul Ricœur su “Le sens d'une vie, 1913-2005” di François Dosse, La Découverte (dettaglio copertina) (editionsladecouverte.fr)

Ricœur e la psicoanalisi

di Letizia Bolzani

Il filosofo francese Paul Ricœur (1913-2005), tra i più grandi pensatori del Novecento, dialogò nel corso della sua intensa carriera con tutte le discipline umanistiche, ma fu in particolar modo il confronto con Freud a costituire una sorta di fil rouge nel suo percorso riflessivo, seguendone le tappe evolutive e intrecciandosi con i suoi studi - oltre che filosofici - linguistici, narratologici, antropologici.

Della ricchezza di queste riflessioni può ora avere una panoramica straordinariamente vasta il lettore di lingua italiana, al quale viene rivolto un volume appena uscito dall’editore Jaca Book e intitolato “Attorno alla psicoanalisi”. Il volume, curato dallo psichiatra e psicoanalista Francesco Barale, professore emerito di Psichiatria dell’Università di Pavia, si compone di due parti: nella prima viene presentata la raccolta di dieci saggi Écrits et conférences 1. Autour de la Psychoanalyse, a cura del Fonds Ricœur, saggi in larga misura poco conosciuti e difficilmente accessibili. La seconda parte, Una lunga via. Scritti 1954-2003, include altri testi di Ricœur, raccolti dal curatore, Francesco Barale, che è anche autore di un’importante prefazione al volume, e con cui avremo il piacere di conversare in questa puntata.

Brani Brani in onda 8.7.20 - Ouverture / Adagio e staccato / Menuet / Andante / Air / Bouree / Hor - Diego Fasolis; DIR / I Barocchisti; ENS Ore 9:39