(iStock )

Giornata biodiversità

di Marco Pagani

La Svizzera è uno dei paesi al mondo più a rischio per la biodiversità: vuol dire che la percentuale di specie autoctone minacciate di estinzione quando non già estinte, è tra le più alte al mondo.

Quello dell’estinzione di massa innescata dalla nostra specie, in quest’epoca che nei futuri libri di storia sarà chiamata Antropocene, è un problema globale e molto difficile da fermare.

Missione B, è un’iniziativa lanciata dalla SSR a livello nazionale, cui anche la RSI ha aderito. L’idea è semplice: promuovere piccoli comportamenti e piccole azioni per difendere quel che resta della diversità biologica che ci circonda: nel concreto piantando nuove superfici per flora e fauna. Meno prati inglesi, possibilmente meno cemento (in Svizzera cementifichiamo 0,7 mq di terreno ogni secondo) più prati fioriti e più natura non addomesticata. 

Alla giornata dedicata alla biodiversità, sabato scorso alla scuola agraria di Mezzana, numerosi incontri e stand informativi tracciavano un filo rosso che univa Slow Food, i fiori selvatici, le erbe spontanee della val Poschiavo e formule potenzialmente rivoluzionarie nella loro semplicità, come la filosofia legata alla permacultura.

Ora in onda Radio svizzera classica In onda dalle 1:30
Brani Brani in onda My one and only love - Pepper Adams Ore 1:41