La Recensione

di Andrea Estero

Charles Gounod, 1890, fotografia di Nadar

La Recensione di Reteduecinque
Da lunedì 21 a venerdì 25 maggio 2018 alle 16:00

Di lui si parla come di un sommo direttore d'orchestra, ma è stato un compositore molto originale, dagli apporti più diversi. Senz'altro da rivalutare. L'occasione è l'imminente centenario della nascita. Parliamo di Leonard Bernstein. Di Lenny la Warner raccoglie i brani più significativi - dal Divertimento per orchestra alle Sinfonie n. 2 e 3 - affidandoli a direttori di vaglia come Rattle e Jarvi o a solisti come Menuhin, come sentiremo a inizio settimana.

Nessuno - si presume - sapeva che la celeberrima sigla degli episodi televisivi scritti e girati da Hitchcock è di Charles Gounod. Perché dell'operista francese si ricordano appena un paio di titoli per le scene teatrali e poco più. Invece è stato autore pure di pagine sinfoniche e pianistiche. Queste ultime in particolare definiscono la sua identità di geniale "illustratore" musicale, quasi un pendant di Gustave Doré nell'arte dei suoni. Martedì le ascoltiamo grazie a Roberto Prosseda che - in occasione del bicentenario della nascita del compositore - ha inciso le sue istantanee pianistiche in un cd Decca.

Mercoledì un intrigante album Harmonia Mundi ci porta dritti all'inferno: l'inferno di cartapesta delle scenografie d'opera, ovviamente. S'intitola infatti "Enfers" il cd che tra Rameau e Gluck allinea tutti i brani operistici di questi autori ambientati nell'aldilà pagano, tra furie sfrenate e bucolici campi elisi. Tra i protagonisti troviamo il baritono Stéphane Degout e l'orchestra Pygmalion diretta da Raphael Pichon.

Giovedì parliamo di pianisti. Ci sono quelli che vincono concorsi e premi internazionali ma non affermano nuove identità; e quelli che magari in quelle competizioni si piazzano quarti, ma hanno personalità da vendere. Uno di questi ultimi è il francese Lucas Debargue. Il suo Schubert inciso per Sony (le Sonate n. 14 e 13, cui si aggiunge la seconda Sonata di Szymanowski) ha un passo misterioso, fatto di attese e stupori. All'ascolto ci sorprenderà.

Venerdì è dedicato alla Nuova Musica. Al fascino immobile e nordico di Arvo Part. La Ecm ha inciso tutte le Sinfonie del compositore baltico, affidandole a Tonu Kaljuste. Una circostanza perfetta per seguire l'evoluzione di un autore d'oltre cortina poi emigrato in Occidente. Sempre controcorrente: prima, quand'era in Urss, in cerca di complicazioni strutturali che per i sovietici suonavano "eretiche". Poi, nelle mani di Manfred Eicher, geniale e discusso sacerdote di una nuova religione musicale contraria al materialismo dell'avanguardia.

The Sound of Leonard Bernstein 3 cd Warner Classics

Charles Gounod Piano Works Roberto Prosseda Decca 

 

"Enfers" Famous opera scenes by Rameau and Gluck Raphael Pichon/Stéphan Degout Harmonia Mundi

 

Lucas Debargue Schubert/Szmanowsky Sony

 

Arvo Part The Symphonies Tonu Kaljuste Ecm

 

I Mondiali alla RSI

Seguici con
Altre puntate