Leo Wadada Smith
Leo Wadada Smith (Wikipedia)

La Recensione

di Valerio Corzani

La Recensione di Reteduecinque
Da lunedì 24 a venerdì 28 dicembre 2018 alle 16:00

"La musica raccolta in questo disco vive, attraversando il tempo e i mari, nel sogno di coraggiosi viaggiatori": è lo stesso Mauro Palmas, nel libretto dell’album con cui apriremo la nostra settimana di recensioni, a spiegare i contorni tematici della sua nuova imrpesa discografica. "Palma de sols" è un altro progetto importante del suonatore di mandola cagliaritano, con tanti ospiti e un florilegio di suggestioni sonore.

Anders Erik Røine e Marit Karlberg invece fanno tutto da soli. Il primo si disimpegna alla chitarra, allo scacciapensieri e all’hardingfele, la seconda al langeleik, entrambi alla voce. Si sono messi sotto un’insegna di gruppo: Sudan Dudan e in "Heimen Der Ute", il loro ultimo album, mettono in fila undici carezzevoli bozzetti folk. Tromba, chitarra e batteria: anche l’organico del terzo album è piuttosto scarno. A manovrare gli strumenti però ci sono tre maestri del jazz contemporaneo.

Con grande empatia gli statunitensi Andrew Cyrille (batteria), Bill Frisell (chitarra elettrica) e Wadada Leo Smith (tromba) si sono idealmente "messi in cerchio", intorno a un fuoco creativo che comprende anche un lungo brano dedicato ad Alice Coltrane.

"100 ghosts" è il titolo del nuovo album di Patrizio Fariselli, musicista cruciale della scena alternativa italiana fin dagli settanta. Già tastierista degli Area, Fariselli ha aggregato intorno a sé un folto gruppo di amici e colleghi (Claudia Tellini, Grazia di Michele, Walter Paoli, Marco Micheli tra gli altri) che entrano con grande affinitànel palinsesto da lui preparato. "100 ghosts" esplora il jazz, la musica etnica e la musica contemporanea.

Chiuderemo la settimana con un tuffo nelle sonorità dell’Oceano Indiano, in particolare in quelle dell’isola de La Reunion dove lavora, suona, compone, il produttore Labelle. Il quale torna a proporsi in un contesto internazionale grazie a “Universe-île”, un album ipnotico che spazia da sentori ambient a sincopi creole e africane. Nell’”universo-isola” descritto efficacemente dal percorso musicale intrapreso da Labelle si inseriscono le pulsioni del folk e quelle dell’elettronica, ospiti della scena musicale reunionense (le cantanti Zanmarì Baré e Nathalie Natiembé) e virtuosi della kora africana come Ballaké Sissoko.

Mauro Palmas, "Palma de Sols", Squilibri

 

Sudan Dudan, "Heimen Der Ute", Talik

 

Andrew Cyrille/Wadada Leo Smith/Bill Frisell, "Lebroba", Ecm

 

Patrizio Fariselli, "100 Ghosts", Curved Light Sas 

 

Labelle, "Univers-île", InFiné/Eumolpe Records

 
Ora in onda Notiziario In onda dalle 15:30
Brani Brani in onda The Blues Walk - Os Cobras Ore 13:57