"Two roses" di Avishai Cohen; Naïve (dettaglio copertina) (naiverecords.com)

La Recensione

di Luca Damiani

Da lunedì 14 a venerdì 18 giugno 2021

Torna uno dei migliori musicisti della scena partenopea, epigone di Luciano Berio e di Roberto De Simone, interessato alle nuove consonanze, come alla grande musica del ’600. Ancora una volta–come ha già fatto nel bellissimo Tesoro di San Gennaro–Salvio Vassallo rilegge repertori di altri tempi, con i mezzi della contemporaneità rigenerando, se mai ve ne fosse bisogno, perfino Monteverdi.

Un vero talento quello di Avishai Cohen, inteso come il contrabbassista israeliano (senza nulla togliere all’omonimo trombettista) che si misura in Two roses con la scrittura per una grande formazione, ovvero la Göteborg Symphony Orchestra; e la musica che ne scaturisce è una tavolozza multicolore e multiritmica che potrebbe essere riassunta con l’aggettivo “assoluta”.

Appartenente alla vera aristocrazia della musica popolare brasiliana Bebel Gilberto–figlia di João Gilberto e Miúcha e quindi nipote di Chico Buarque-prosegue con “Agora” un cammino, iniziato molti anni fa, di rinnovamento nel solco della tradizione che è una caratteristica meravigliosa della cultura del suo paese: suoni decisamente contemporanei per melodie di suadente saudade in una allitterazione inevitabile.

A proposito di dinastie, altrettanto nobile è quella a cui appartiene Joachim Cooder, figlio di uno dei più grandi musicisti e musicologi contemporanei. Come il padre Ry, anche lui tende a muoversi tra i generi e i suoni, come dimostra in questo cd di debutto “Over That Road I'm bound” ovvero, un destino inevitabile.

Mino Cinelu & Nils Petter Molvær sono stati due grandi scoperte degli anni ’90 provenienti da mondi diversi e che adesso insieme si confermano con “Sulamadiana”, una coppia di grande affiatamento portatrice di idee eterogenee ma che riescono a coniugare con la forza dei loro strumenti, che sono essenzialmente le percussioni e la tromba elaborata.

 
Ora in onda Tenera è la notte - "You look good to me" In onda dalle 23:30
Brani Brani in onda The Dreams That Stuff Is Made - Johann Johannsson Ore 23:46