"Heroes Expanded (A Tribute To David Bowie)" di Paolo Fresu • Magoni • Petrella, Tuk Music (dettaglio di copertina) (tukmusic.com)

La Recensione

di Luca Damiani

Lunedì 29 novembre - Janine Jansen, 12 Stradivari, (Decca)

Janine Jansen è una virtuosa violinista olandese che attualmente utilizza uno Stradivari, il “Rivaz-Baron Gutmann” del 1707 ma che in questo progetto, esplicito fin dal titolo, confronta un repertorio estremamente variegato con 12 dei più importanti prodotti della bottega del gran cremonese. Il progetto, che si avvale della collaborazione al pianoforte di Antonio Pappano, è stato ideato da Steven Smith che, avendo lavorato con gli strumenti Stradivari per tutta la sua vita, ha voluto riunire dodici dei migliori violini per mostrarne le caratteristiche e le differenze. Nonostante le numerose sfide logistiche e anche una forzata pausa dovuta al Covid che ha colpito la stessa Jansen alla fine il lavoro si è concluso e rappresenta una testimonianza davvero unica del genio liutistico di Stradivari e del talento di questa interprete.

Martedì 30 novembre - Víkingur Ólafsson, Mozart & Contemporaries, (D.G.)

Víkingur Ólafsson, pianista islandese classe 1984 che già altre volte abbiamo recensito entusiasticamente, prosegue con le sue brillanti interpretazioni, raccogliendo e allargando un repertorio che fino a oggi aveva in Johann Sebastian Bach il fulcro principale. In questo caso, come denuncia senza possibilità di equivoci il titolo, si tratta di Mozart e di alcuni suoi contemporanei, in particolare austriaci e italiani. Gli anni di composizione della maggior parte delle opere sono quelli intorno al 1780 e dunque Galuppi, Cimarosa e Haydn fanno bella mostra di sé attraverso il suono davvero straordinario di questo giovane ma decisamente maturo interprete.

Mercoledì 1. dicembrePhilippe Jaroussky & Thibaut Garcia, A sa guitare (ERATO)

Davvero giovane è il chitarrista – ventisettenne - che accompagna Philippe Jaroussky forse il più interessante controtenore della scena musicale attuale: entrambi francesi, si sono trovati con l’idea di offrire un percorso davvero variegato e intenso di trascrizioni di composizioni spagnole, brasiliane, uruguaiane, argentine, inglesi, italiane e ovviamente anche della loro terra, spaziando in quattro secoli di produzioni musicali, da Henry Purcell a Luiz Bonfà. Il risultato mostra un’incredibile omogeneità stilistica senza tradire gli originali, in un mosaico di rara bellezza.

Giovedì 2 dicembre - Pat Metheny, Side-Eye Nyc

Ritorna il geniale chitarrista Pat Metheny con un live che è stato registrato a New York nel 2019 poco prima dell’inizio della pandemia. La formazione in trio - una delle preferite di questo interprete - vede la presenza di James Francies (un altro giovane da tenere d’occhio) alle tastiere e vari batteristi che si alternano alla ritmica. Ovviamente il repertorio spazia nella densa discografia del titolare sin dai primi LP e qui si rinnova seguendo un’evoluzione stilistica che nel caso di Metheny pare non conoscere pause.

Venerdì 3 dicembre - Paolo Fresu • Magoni • Petrella, Heroes Expanded (A Tribute To David Bowie)

David Bowie è scomparso esattamente sei anni fa e molti sono gli omaggi che artisti di varie estrazioni hanno voluto tributargli. Tra questi si può aggiungere questo, a molte firme di Paolo Fresu, Petra Magoni, Gianluca Petrella, Francesco Diodati, Francesco Ponticelli, Christian Meyer ovvero una sorta di Gotha della musica italiana spaziando dal jazz al pop. Questo cast stellare affronta alcune delle canzoni più belle del Duca Bianco e le rilegge con assoluta libertà ma anche con un amore e un’attenzione davvero commoventi. Heroes, Rebel Rebel e altri titoli leggendari, trovano nuova linfa e un’ulteriore conferma della grandezza del loro indimenticato interprete.

 
Ora in onda Radio svizzera classica In onda dalle 1:30
Brani Brani in onda Peace On Earth - Denys Baptiste Ore 1:53