Andrea Jonasson, 60 anni di teatro: Gründgens, Strehler, il futuro

di Flavia Foradini

®

Una grande attrice europea, un repertorio teatrale vasto e variegato, una carriera lunga 60 anni, che l'ha portata sui maggiori palcoscenici di lingua sia tedesca che italiana.

Sullo sfondo di un caffè viennese Andrea Jonasson si racconta al microfono di Flavia Foradini. Richiama alla memoria come il teatro non fu la sua prima scelta, ma diventò la sua vita; rievoca i suoi inizi ad Amburgo, con il mitico Gustaf Gründgens allora all'apice della sua carriera, ma così vicino alla fine; ricorda il lungo sodalizio con Giorgio Strehler e alcuni fra i tanti spettacoli realizzati al Piccolo Teatro, che per lei, attrice già più che affermata nei Paesi di lingua tedesca, diventò una nuova casa: "L'anima buona di Sezuan" di Bertolt Brecht, "Minna von Barnhelm" di Lessing, "Come tu mi vuoi " di Pirandello. E poi gli spettacoli d'oltralpe, come "Alla meta di Thomas Bernhard" o il recente "La foresta di Ostrowski", entrambi al Theater in der Josefstadt. E dando qualche suggerimento ai giovani che vogliono intraprendere la carriera di attori, apre lo sguardo verso il futuro.

Prima emissione: 25 novembre 2022