"Werner Bischof Unseen Colour" in mosta alla sede Masi di Lugano
Voci dipinte

Cambio di prospettiva

di Monica Bonetti

  • Keystone
  • 19.2.2023
  • 54 min
Disponibile su
Scarica
  • Arte e spettacoli

Non è usuale che una mostra dedicata a un grande fotografo degli anni ’40 e ’50 del Novecento esponga lavori ancora inediti. È però esattamente quello che succede alla "Werner Bischof Unseen Colour" inaugurata pochi giorni fa nella sede del Lac del Masi, in collaborazione con la Fotostiftung di Winterthur e la Werner Bischof Estate, che espone un centinaio di stampe digitali a colori da negativi originali del grande fotografo svizzero.

Un’occasione dunque non solo per scoprire aspetti inediti del lavoro di un maestro del reportage e della fotografia del Novecento, ma anche per riflettere sull’uso del colore in fotografia che Voci dipinte affronta insieme a Tobia Bezzola direttore del Masi e a Ludovica Introini, curatrice della mostra.

Sorprendenti anche gli spunti che emergeranno con il terzo ospite della puntata, la storica dell’arte Rachele Ferrario autrice di "Umberto Boccioni. Vita di un sovversivo" (Mondadori), una novità editoriale che svela aspetti inediti della biografia di uno dei più grandi pittori italiani del Novecento.

Scopri la serie

Correlati