Politica e musica, tra Russia e Ucraina

di Roberto Corrent e Davide Fersini

Nella storia dell’umanità le persone hanno probabilmente sempre cantato, perché la musica rafforza il senso di comunità, toglie la paura, ma crea anche fronti chiari. Nel conflitto in Ucraina il canto pubblico è quindi diventato un’arma simbolica. In questa puntata di «Voi che sapete» ci occuperemo dell’importanza che la musica ha avuto in relazione alla politica nel corso dei secoli, da Rouget de l’Isle e Étienne Méhul a Beethoven, Brahms, Prokof’ev e Šostakovič. Roberto Corrent e Davide Fersini ne parleranno con due ospiti di riguardo, quali il musicologo Carmelo Di Gennaro, per lunghi anni produttore musicale per la RAI e oggi direttore dell’Istituto di Cultura di Madrid, e il sociologo e esperto di popular music Paolo Prato.