"L’operetta parigina a Milano, Firenze e Napoli (1860-1890)" di Elena Oliva; Libreria Musicale Italiana (dettaglio copertina) (lim.it)

A cheval sur la discipline!

La scombinata ed irresistibile invasione italiana dell’operetta parigina, di Davide Fersini

RETEDUECINQUE
Lunedì 22 marzo 2021 alle 15:35

Nel 1866 sbarcava in Italia una compagnia di cantanti, comici e saltimbanchi che nel giro di pochi anni avrebbe cambiato i gusti musicali di un intero paese. Era la troupe dei fratelli Gregoire il cui nome resterà legato a Offenbach ed Hervé, i padri dell’operetta francese – genere negletto e bistrattato dalla critica che, però, visse nel secondo ottocento una fortuna inaudita ed oggi totalmente dimenticata. Elena Oliva, dottore di ricerca all’Università di Firenze e grande esperta di teatro musicale dell’Ottocento, ha raccontato quell’epopea al microfono di Davide Fersini, ripercorrendo l’analisi di questo fenomeno contenuta nel suo libro: “L’operetta parigina a Milano, Firenze e Napoli (1860-1890)” pubblicato di recente da LIM – Libreria Musicale Italiana – con il sostegno meritorio dell’Associazione per la musica DE SONO.

Ora in onda Radio svizzera classica In onda dalle 1:30
Brani Brani in onda My old flame - Kenny Barron Ore 1:52