Cantare con la lingua dei segni si può!

Intervista con un interprete e performer LIS (lingua dei segni)

 

Quando la lingua dei segni incontra l’arte è possibile cantare trasmettendo le stesse emozioni che veicola una canzone. Lo sa bene Mauro Iandolo, interprete e performer LIS (lingua dei segni). Figlio di genitori sordi ha imparato sin da piccolo a parlare con i suoi genitori e a riconoscere che uno degli ostacoli maggiori tra il mondo dei sordi e quello delle persone udenti è solo l’ignoranza.

Mauro Iandolo si racconta al microfono di Natascia Bandecchi.