(iStockphoto)

Nessun grado di separazione

Famiglie monoparentali e condizioni di stress ai tempi del coronavirus

 

A cura di Claudia Demircan e Alessandro Bertellotti.

Le famiglie monoparentali in Ticino sono un quarto del totale dei nuclei familiari. Come si confrontano con la pandemia? Ogni caso è una realtà differente, complessa, spesso difficile da gestire. Condividere un appartamento con una persona anziana o gestire il diritto di visita o portare un bambino a fare la spesa, sono interrogativi con cui una parte importante della comunità si confronta ogni giorno.

Baobab cerca di trovare le risposte per consentire di vivere in modo meno impegnativo il delicato momento che ha investito senza preavviso circa 15mila nuclei familiari monoparentali nel solo Cantone Ticino. Inoltre, affrontiamo lo stress che coinvolge numerose persone e categorie professionali. Le conseguenze delle restrizioni dovute alla pandemia cominciano a farsi sentire anche nei comportamenti e nelle relazioni interpersonali. Bisogna iniziare a comprendere cosa succederà "dopo", alla fine dell'emergenza, a persone che hanno vissuto a lungo a stretto contatto con malati o soggetti colpiti dal virus.

Ospiti della puntata speciale (al telefono): Sandra Killer e Elisabetta Bacchetta, presidente e coordinatrice dell'Associazione ticinese delle famiglie monoparentali e ricostituite; Marina Lang, psicologa della polizia cantonale e prof. Lorenzo Pezzoli, responsabile dell'unità di psicologia applicata SUPSI, entrambi membri della task force cantonale di sostegno psicologico.