(iStockphoto)

Speciale "Whatsavirus"

Come affrontare la pandemia, lo studio e il tempo libero da adolescenti e giovani

 

Sono considerati come l'anello debole sociale, dato che raramente sono colpiti dalla pandemia di Coronavirus. I giovani non sono praticamente toccati dalle conseguenze della pandemia e la mortalità nella fascia d'età "millennial" è praticamente nulla, nella Svizzera italiana e altrove. Le conseguenze del contagio quindi sembrano interessare poco o nulla i ragazzi: è più probabile che i teenagers siano poco propensi a rispettare regole e imposizioni dettate dall'emergenza sanitaria.

Eppure è necessario che anche i giovani comprendano cosa sta succedendo intorno a loro, sia perché possono essere veicoli di trasmissione del virus, sia perché le conseguenze sul rendimento scolastico potrebbero segnare a lungo e in modo drammatico il loro percorso di formazione.

Con questo Baobab speciale Rete Tre offre ai ragazzi e a chi è quotidianamente a contatto con loro, la possibilità di trovare risposta alle domande più frequenti sul coronavirus e su come affrontare il presente e il futuro prossimi.

Ospiti: Enos Bernasconi, capo servizio malattie infettive all'Ospedale regionale di Lugano; Paolo Colombo, direttore della divisione formazione professionale; Daniele Parenti, direttore del centro di risorse didattiche digitali CERDD; Fabio Genovesi, scrittore vincitore del Premio Strega giovani e del Premio Viareggio; Manuele Bertoli, direttore DECS.

A cura di Andrea Rigazzi e Alessandro Bertellotti.