(iStock)

Wet markets e "spillover"

I mercati umidi, dove batteri e virus trovano condizioni ideali per il salto di specie

 

I ‘mercati umidi’ sono diffusi in diversi paesi del Sud est asiatico, sono mercati all'aperto in cui si macellano anche animali vivi, chiamati così per l'abitudine di bagnare e pulire regolarmente i pavimenti con l’acqua. Uno scrupolo che non basta a contenere la diffusione di agenti patogeni. Animali selvatici ed esseri umani si ritrovano in condizioni promiscue che in natura non si verificano, ed ecco che batteri e virus si trovano in ottime condizioni per fare lo ‘spillover’, il salto interspecifico, o salto di specie. Per questo i wet markets sono considerati delle vere e proprie bombe a orologeria, ma sono molto difficili da far chiudere: il giro d’affari che generano è enorme.

Di mercati umidi, illegalità e spillover ci parla Claudia Demircan.