(iStock)

Dieta digitale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"La dieta digitale dei sette giorni verrà acquisita e conservata come pubblicazione nella collezione della Bibliografia nazionale svizzera affinché venga conservata accuratamente, in modo da permettere anche alle generazioni future di usufruirne". Questa la mail che Alessandro Trivilini, responsabile servizio informatica forense e ricercatore presso il dipartimento Tecnologie innovative della Supsi, ha ricevuto dall’Ufficio Federale della Cultura che riconosce così nella dieta proposta motivi di grande validità. Ma di cosa si tratta? Che dieta è? Su cosa si basa?

Il 2020 della scienza

Il 2020 è stato dominato dalla pandemia che ha rubato la scena, mettendo in secondo piano anche diversi progressi che la scienza ha portato a casa nonostante tutto. Di questo abbiamo parlato con Gabriele De Palma, giornalista dell’Agenzia F5.