(iStock)

Grazie, prego, scusi…

Il ritorno della gentilezza - Incontro con la psicologa Cristina Milani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

“Prego vuoi ballare con me? Grazie preferisco di no, non ballo il tango col casquè, perciò grazie. Prego. Grazie. Scusi, Tornerò”. Cantava così Adriano Celentano negli anni Sessanta, anni sì di ribellione ma anche di modi forse più garbati e cortesi nelle relazioni tra le persone, almeno di facciata, nonostante l’avvento, lento, degli individualismi che il nuovo sistema economico stava portando a livello globale. Negli anni la corsa ad arrivare primi – gomiti ben allargati - ha messo la cortesia e la gentilezza in un angolo, quasi che il gentile fosse destinato a perdere. Negli ultimi decenni la sua riscoperta, il suo studio, il suo ritorno a contrastare società divenute troppo sgarbate. Non costa e rende… rende almeno felici. Di lei abbiamo parlato con la psicologa Cristina Milani Presidentessa del World Kindness Movement.

Lockdown – Freebirds

Uno studio pubblicato sulla rivista Science e realizzato da ricercatori canadesi e statunitensi, con l’aiuto di migliaia di cittadini ha dimostrato quanto nel nostro piccolo già potevamo intuire: varie specie di uccelli, in particolare quelle migratorie, hanno soggiornato in habitat urbani più spesso del solito proprio in corrispondenza dei lockdown. Cosa si impara da questo studio? Ne abbiamo parlato con Raffaele Mastrolonardo, giornalista dell’agenzia F5.