Un team ticinese di robotica

con Julie Arlin e Alessio Veronelli

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Avvicinarsi alla robotica e sviluppare competenze importanti tra ingegneria matematica e creatività. È quanto fanno i giovani ticinesi della Smilebots che hanno appena vinto la gara nazionale di robotica, qualificandosi per gli europei. Ma che cosa sono le gare di robotica? Come si allenano i giovani ticinesi? Ce lo ha raccontato il loro “allenatore”, l’ingegnere Corrado Corsale.

"Cuori infranti, la scienza cerca di aiutarli", con Gabriele De Palma

Di pene d’amore - come dice la canzone - non si muore (quasi mai), ma di certo si soffre assai. La scienza viene in soccorso, e in Spagna è in via di sperimentazione una terapia a base di anestetici, da combinare con una psicoterapia ad hoc. E non mancano le app che cercano di dare sostegno psicologico al sofferente e ad aiutarlo a tornare a concentrarsi sulla vita quotidiana.

(iStock)

"Al carnevale per mangiare", a cura di Stefano Marelli

Da bambino, per me l’idea del carnevale non era legata a scherzi, veglioni danzanti e cortei mascherati. Era invece strettamente correlata al cibo. Dal giovedì sera fino al martedì grasso, infatti, a Chiasso era possibile mangiare gratis almeno una volta al giorno. Una prospettiva che, da ragazzini, ci rendeva folli. In banda, dunque, si giravano tutti i rioni e ci si metteva in fila per ricevere il nostro bravo rancio carnascialesco. Inutile dirlo, consumata la prima porzione, tornavamo ad incolonnarci per elemosinare altra roba fin quasi a scoppiare. Il primo che si arrendeva, vinceva una scarica di manganellate da ricordare fino alla seguente edizione del Nebiopoli. Merluzzo, maccheroni, busecca, ma soprattutto il risotto preparato dagli Urani, e naturalmente vagonate di gnocchi al ragù, distribuiti al Lazzaretto militare di Via Guisan, che era un po’ la Via Paal di tutti noi figli di ferrovieri e guardie di confine.