Belli e riBelli

L'aggregazione del Bellinzonese: pro e contro

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

E' un appuntamento storico per il Bellinzonese e su questo sono tutti concordi. Sulla bontà del progetto, o meglio sul rapporto costi/benefici, non c'è invece unanimità. Il 18 ottobre non sarà dunque solo una data importante per la Berna federale ma anche per l'identità dei cittadini dei 17 Comuni chiamati ad esprimersi su un'aggregazione che darebbe vita alla "grande Bellinzona" con oltre 50’000 abitanti.

I dati sulla popolazione nei 17 comuni della nuova Bellinzona
I dati sulla popolazione nei 17 comuni della nuova Bellinzona (RSI/PX)

Arbedo-Castione, Bellinzona, Cadenazzo, Camorino, Claro, Giubiasco, Gnosca, Gorduno, Gudo, Lumino, Moleno, Monte Carasso, Pianezzo, Preonzo, Sant'Antonino, Sant'Antonio, Sementina: ecco la lista dei comuni che presto potrebbero diventare quartieri. Tutti gli esecutivi hanno promosso il progetto aggregativo, con l'eccezione di Lumino (che nonostante abbia firmato a suo tempo la relativa istanza inviata al Cantone, ha fatto retromarcia). I vantaggi, in ottica regionale e nazionale, non sono peraltro pochi: da una maggiore forza contrattuale, ad una conduzione più agevole di importanti progetti strategici (come il polo biomedico), passando per una rete capillare di servizi forniti da una città di dimensioni molto più vaste.

Uno sguardo sull'agglomerato della capitale
Uno sguardo sull'agglomerato della capitale (©Tipress)

Come in ogni progetto aggregativo, i due piatti della bilancia non sono tuttavia mai completamente pieni o vuoti. La perdita d'identità, che si rifletterebbe anche in una (giocoforza) non equa rappresentatività delle varie realtà nelle nuove istituzioni, è un fattore che potrebbe pesare non poco alle urne, così come il costo finale dell'operazione (al di là dei contributi cantonali). Tutte questioni sottolineate dall'esecutivo di Lumino e dai singoli oppositori sparsi per i 17 comuni e la cui influenza sul voto non è quantificabile. Con un occhio a quanto accaduto con la "grande Lugano", l'unione nel Bellinzonese (di chi) fa davvero la forza?

Modem Evento, l'approfondimento radiofonico aperto al pubblico, ne parla giovedì 8 ottobre dalle 20.30 nella sala comunale di Preonzo.

Ospiti della serata:

Mario Branda, sindaco di Bellinzona;

Fabio Pasinetti, sindaco di Preonzo;

Paolo Locatelli, consigliere comunale di Bellinzona;

Graziano Pestoni, ex municipale di Monte Carasso ed ex granconsigliere.

La sintesi del dibattito andrà in onda venerdì 9 ottobre alle 8.15 su Rete Uno e alle 19.30, in replica, su Rete Due.

Il dibattito TV del 18 settembre 2015

Democrazia diretta - Fusione del Bellinzonese

Democrazia diretta - Fusione del Bellinzonese

LA 2, venerdì 18 settembre, 21:05

 

Per saperne di più, scaritate il documento