La votazione sugli ecoincentivi si terrà il 14 giugno ( ©Ti-Press)

Ecoincentivi: un turbo per la mobilità sostenibile oppure uno spreco di risorse?

Il popolo ticinese alle urne il 14 giugno sulla proposta voluta da governo e parlamento.   

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Chiedere qualche franco di tassa di circolazione in più  e avere i soldi necessari per realizzare i progetti del Canton Ticino per una mobilità più sostenibile:  È questo in sostanza che il governo Ticinese vuole fare con gli ecoincentivi, seguito dal parlamento Cantonale, che nel novembre scorso ha approvato la modifica della legge sulle imposte di circolazione. Ma contro questo progetto, apparentemente condiviso dalla sinistra alla destra, hanno raccolto in poco tempo un’impressionante quantità di firme i giovani liberali e i giovani UDC, determinati a bloccare l’aumento, seppur minimo, della tassa di circolazione. Non negano l’importanza della protezione dell’ambiente, ma ritengono che l’investimento ecologico debba essere più mirato ed efficace. E così, il prossimo 14 di giugno in Ticino, il popolo dovrà pronunciarsi sugli Ecoincentivi. Saranno davvero un turbo verso la mobilità sostenibile in Ticino? Al dibattito di modem partecipano Fabio Käppeli dei giovani liberali,Luigi Meier dell’associazione “Les routiers suisses” contrari agli ecoincentivi,  Bruno Storni (granconsigliere PS e membro di comitato dell’ATA) e Marco Piffaretti di Infovel, favorevoli.