15 comuni. Troppi?

Ipotesi di fusione nel Grigioni italiano

venerdì 26/05/17 19:10
Edizione del 26.05.2017

Questa sera parliamo di fusioni. Un tema apparentemente non più di stretta attualità, dopo la mini fusione Grono-Leggia-Verdabbio. In realtà non è così perché si pensa sempre al futuro più o meno prossimo. Nostro ospite è il sindaco di Grono e presidente della regione Moesa Samuele Censi. Duplice veste per due argomenti: Il presente di Grono e il futuro del Moesano.

Fare tesoro delle esperienze già vissute è importante. E a questo proposito ricordiamo che nel 2010 è nato il comune unico di Bregaglia, frutto della fusione dei 5 comuni della valle – Stampa, Vicosoprano, Bondo, Soglio e Castasegna – che nel 2009 votarono, tutti, decisamente a favore della fusione. A distanza di più di 7 anni, con la seconda legislatura in corso, sentiamo con Silvia Rutigliano come vanno le cose

In Valposchiavo ci sono pochi argomenti capaci di spaccare in due la valle e di innescare dibattiti infiniti. Il tema dell’orso ad esempio o in generale quello dei grandi predatori, capace di risvegliare paure ataviche. Ma c’è una parola su tutte che ha la capacità di infervorare gli animi: fusione. Antonia Marsetti ha incontrato i sindaci di Poschiavo e Brusio.  

Diamo con Stefano Barbusca uno sguardo anche alla realtà oltreconfine. In media ogni comune della provincia di Sondrio ha circa 2300 residenti ma in vari casi si scende ben al di sotto di questo di questa cifra. Vedremo il caso del terzo comune più piccolo d’Italia che conta 42 cittadini.  

 

Un'estate con la RSI

Seguici con
Altre puntate